Lastre secche o gonfie, ormai da buttare? Forse stai usando il detergente sbagliato. Tra le migliaia di prodotti di pulizia disponibili sul mercato, spesso non è facile individuare quello più adatto alle tue esigenze. Eppure la scelta del detergente giusto è un passaggio cruciale, da cui dipende anche la buona riuscita di quelli successivi.

L’articolo di oggi riguarda un detergente specifico per polimeri, privo di solventi e ideale per la pulizia sia manuale sia in macchina.

Se anche a te capita di trovarti  lastre secche o gonfie, ormai da buttare, spesso è proprio colpa di un detergente sbagliato. I solventi, ad esempio, o i prodotti che asciugano velocemente sono un vero flagello per le lastre, perché le seccano e le rendono inutilizzabili per successive ristampe. Per questo ho deciso che era il momento di fare un po’ di chiarezza, e parlarti del detergente specifico per polimeri che

  • non gonfia, non secca e non unge la lastra
  • dura a lungo, sia per la pulizia manuale sia in macchina
  • non presenta frasi di rischio

Vediamo questi punti più da vicino.

#1 Formula specifica
Ditom Cleaner 8004 è il detergente giornaliero studiato specificamente per i polimeri. Rimuove efficacemente inchiostri UV, vernici e lacche e lascia le lastre elastiche, pronte per essere riutilizzate in successive ristampe. Capisci subito che non contiene solventi perché non ha un odore pungente e infatti non secca le lastre, non le gonfia e non le lascia unte dopo il lavaggio. Ma non è tutto. Grazie alla sua formula specifica, il detergente rimuove i residui d’inchiostro senza che tu debba star lì a sfregare come un dannato. E lo dico  per risparmiarti non solo un’infiammazione al gomito, ma anche e soprattutto il rischio di danneggiare i retini.

#2 Facilità e versatilità d’uso
Ditom Cleaner 8004 può essere utilizzato per la pulizia sia manuale sia in macchina. Se pulisci le tue lastre manualmente, puoi versarlo in un normalissimo spruzzino – come quelli per pulire le finestre, per intenderci – e applicarlo sulla lastra in questo modo. Dopo averlo lasciato agire per qualche minuto, ti basterà un panno privo di pelucchi per rimuoverlo dalla superficie pulita – e voilà, ecco la tua lastra come nuova, pronta per essere archiviata o riutilizzata in una ristampa! Se le tue lastre sono contaminate da inchiostri secchi o particolarmente tenaci, lascia agire il detergente per qualche minuto in più, poi al massimo metti la lastra nella lavacliché per un ulteriore ciclo di lavaggio, e vedrai che uscirà perfetta.
Un altro vantaggio di questo detergente rispetto ad altri prodotti è la sua durabilità nel tempo. Ditom Cleaner 8004 è distribuito in fusti da 20 kg, che per la pulizia manuale sono l’equivalente del formato famiglia per i pacchi di biscotti: costano meno e non finiscono mai!! E anche per la pulizia in macchina, il detergente può essere riutilizzato più volte perché il suo principio attivo si mantiene efficace per più cicli di lavaggio. 

#3 Nessuna frase di rischio
Ditom Cleaner 8004 è sicuro non solo per le lastre, ma anche per te che ci lavori. Privo di frasi di rischio, non provoca effetti irritanti e non ha obbligo di classificazioni tossicologiche. Non dovrai preoccuparti nemmeno del trasporto, perché il prodotto non è in ADR e non dovrai quindi fare i salti mortali per fare prese con corrieri speciali e calcolare  i tempi di spedizione per sincronizzare al meglio la tua produzione. 

Se ti è mai capitato di chiederti: “Ma come, ho le lastre migliori sul mercato, perché non riesco a usarle per diverse ristampe mantenendo inalterata la qualità?”, con questo articolo spero di averti dato allo stesso tempo la risposta e la soluzione al problema.

In caso di domande o dubbi particolari, ricorda di lasciare un commento qui in basso, sono a tua disposizione. Buon lavoro!

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca